Nella vita si incontrano molte difficoltà.
Le reattività che di solito si attivano sono due.

Piangere o disperarti.
Significa che stai attivando la “vittima” che è in te.

Arrabbiarti con tutti e con il mondo.
Significa che stai attivando il “carnefice” che è in te.

In verità le due modalità viaggiano assieme.
Sei vittima del tuo carnefice.
Sei il carnefice che attiva la vittima di se stesso.

Nella confusione questi aspetti non si vedono chiaramente,
comunque agiscono sempre senza il tuo controllo.

Quando impari ad ascoltarti, comprendi questo gioco subdolo.
Il lavoro su se stessi è fondamentale, esci dalla modalità del “girare a vuoto”.

Ottieni la padronanza della tua mente e delle tue emozioni.
Lo stato di presenza è fondamentale.

Comprenderai che va tutto bene
perché questo vecchio gioco nella tua mente
presto smetterà di “giocare”.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: